Torniamo a parlare di bioedilizia nel mondo e di progetti che troviamo particolarmente interessanti. Avete già sentito parlare di “Stockholm Wood City”? Si tratta di quello che è destinato a diventare presto il più grande insediamento di legno nel mondo.

Di cosa si tratta? Come è stato concepito e a quale scopo? Scopriamolo insieme.

Stockholm Wood City: più di un esempio virtuoso di bioedilizia

Nella parte meridionale della capitale svedese, Stockholm Wood City occuperà 250.000 metri quadrati nel quartiere di Sikla. I lavori per la realizzazione del progetto inizieranno nel 2025 e i primi edifici saranno pronti entro il 2027.

Lo scopo di Stockholm Wood City, anche a detta dell’amministratrice delegata di Atrium Ljungberg, lo studio incaricato di realizzare il progetto, è quello di rispondere alle richieste delle persone. L’iniziativa, infatti, vuole soddisfare il desiderio sempre più crescente di avere soluzioni innovative e sostenibili per la casa e l’edilizia in generale.

Una volta realizzato, il nuovo insediamento ospiterà settemila uffici e duemila abitazioni, tutto realizzato all’interno di moderne strutture di legno. Lo spazio urbano avrà negozi, parchi, ristoranti e altre attività. E se il record per l’edificio in legno più alto al mondo viene conteso da Wisconsin (USA) e Svizzera, Stockholm Wood City non avrà rivali in fatto di estensione. I suoi 250.000 metri quadrati di superficie, infatti, la renderanno la più grande città al mondo interamente costruita in legno!

(FOTO: ATRIUM LJUNGBERG / HENNING LARSEN)

Da cemento a legno: Stockholm Wood City e i vantaggi della bioedilizia

In Barra&Barra lo sappiamo bene: il tema del passaggio dalle costruzioni in cemento a quelle in legno è certamente centrale nel dibattito sul rendere l’edilizia più sostenibile. Noi, come gli altri sostenitori della bioedilizia, crediamo che le strutture delle abitazioni e degli edifici sostenibili possano realmente garantire vantaggi ambientali, ma anche per la salute e il benessere delle persone.

Ecco perché crediamo che Stockholm Wood City sia un progetto molto interessante. Certamente come pietra miliare per la Svezia, come già definito, ma anche per il resto del mondo.

L’insediamento, infatti, punterà sull’autosufficienza e sull’efficienza energetica. Grazie alle sue strutture coibentate ad arte, garantirà un maggiore controllo della temperatura, rendendo meno necessario l’uso di condizionatori o di altre apparecchiature per riscaldare o rinfrescare gli edifici. Inoltre, grazie all’uso di pannelli fotovoltaici per autoprodurre l’energia, Stockholm Wood City si renderà autonoma sotto questo punto di vista.

State pensando di costruire la vostra nuova casa in bioedilizia?

Contattateci per sapere come potremmo realizzare per voi una biocasa Barra&Barra su misura per voi e le vostre esigenze, ci trovate via email a info@barraebarra.it e telefonicamente allo 0171-211359.

Vi piacerebbe approfondire ulteriormente questo tema?

Potete leggere questo articolo, il comunicato stampa rilasciato dalla Atrium Ljungberg e anche i nostri precedenti articoli su altre costruzioni sostenibili interessanti in giro per il mondo.

Lascia un commento