Le costruzioni Zero Energy Building (ZEB) e Net Zero Energy Building (NZEB) rappresentano l’avanguardia dell’architettura sostenibile. L’obiettivo è ridurre al minimo l’impronta ecologica degli edifici. Queste strutture, infatti, sono progettate per produrre tanta energia quanta ne consumano su base annua, usando tecnologie rinnovabili e strategie di efficienza energetica.

I concetti di ZEB e NZEB si stanno diffondendo in tutto il mondo, con esempi notevoli che dimostrano come l’innovazione possa incontrare la sostenibilità. Vediamone insieme cinque che ci hanno colpito per le loro caratteristiche.

Costruzioni ZEB e NZEB più interessanti nel mondo

The Unisphere, Maryland, USA

Questo edificio combina diverse tecnologie avanzate. Utilizza sistemi fotovoltaici solari, pozzi geotermici e, inoltre, ha un involucro edilizio ad alte prestazioni per funzionare senza emissioni di carbonio.

La particolarità dell’Unisphere? Produce più energia di quanta ne consumi, grazie all’utilizzo di ben 3.000 pannelli solari!

Qui potete visitare il sito ufficiale.

National Renewable Energy Laboratory, Colorado, USA

Situato nelle Rocky Mountains, questo campus è un esempio di come la ricerca e l’innovazione possano di fatto guidare verso un futuro energetico pulito. Tutti gli edifici del campus incorporano le tecnologie più all’avanguardia per ottenere uno status di NZEB o di ZEB.

La particolarità dell’NREL? I designer utilizzano anche dei sistemi di conservazione dell’acqua, facili da progettare e mantenere. Tra questi troviamo: wc con doppio sciacquone, wc a basso flusso e il drenaggio del tetto per l’irrigazione del giardino.

Qui potete approfondire l’impegno dell’NREL per la sostenibilità.

La Jolla Commons, San Diego, California

È un edificio alimentato da biogas e caratterizzato da un esterno in vetro che riduce i costi energetici. Le celle installate, infatti, permettono di generare più elettricità di quanta ne consumi. In più, il rivestimento riflette i raggi infrarossi e allo stesso tempo riduce la perdita/l’aumento di calore.

La particolarità del La Jolla Commons? È considerato uno degli edifici NZEB più grandi degli Stati Uniti con i suoi più di 38.000 mq!

Qui potete leggere un interessante articolo sul tema.

Indira Paryavaran Bhawan, New Delhi, India

Questo edificio combina strategie attive e passive per ridurre la sua domanda energetica. L’edificio fa uso di ventilazione naturale, materiali locali e anche di un sistema geotermico per mantenere bassi i suoi consumi energetici.

La particolarità dell’Indira Paryavaran Bhawan? È il primo edificio NZEB dell’India, costruito nel 2014, ed è la sede del Ministero dell’Ambiente e delle Foreste!

Qui trovate il caso studio sull’Indira Paryavaran Bhawan.

Avasara Academy, Lavale, Pune, India

Questa scuola residenziale è un esempio di struttura educativa NZEB, progettata per ridurre dell’85% il dispendio energetico. L’uso di materiali locali e di sistemi passivi di raffreddamento e riscaldamento contribuisce a questo obiettivo.

La particolarità dell’Avasara Academy? Su tutti i tetti dei più di 11.000 mq di strutture sono installati dei pannelli fotovoltaici. Sono proprio loro che alimentano i ventilatori a soffitto, e danno luce ad aule, dormitori e alle residenze!

Qui potete leggere il caso studio dell’Avasara Academy.

Questi esempi ci piacciono molto. Dimostrano, infatti, tutto il potenziale delle costruzioni ZEB e NZEB nel ridurre l’impatto ambientale degli edifici. E lo fanno provando quanto si tratti di una strada percorribile in diverse aree geografiche, ma anche in diversi contesti. Trovate anche un nostro precedente approfondimento sul tema qui.

State pensando di realizzare la vostra nuova casa in bioedilizia?

Noi di Barra&Barra possiamo aiutarvi a realizzare la vostra biocasa chiavi in mano, dalla progettazione alla consegna. Contattateci via email a info@barraebarra.it o allo 0171-211359.

Lascia un commento